Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘frammenti’ Category

Rispettarsi


Tratto da Jane Eyre di Charlotte Brontë:

Io devo badare a me stessa. Quanto più sono sola, quanto più priva di amici, quanto più indifesa, tanto più devo rispettarmi. […]

Read Full Post »


Tratto dal romanzo Camera con vista di Edward Morgan Forster

Il signor Beebe era nell’impossibilità di raccontare alle compagne l’avventura successagli a Modena, dove la cameriera gli era piombata addosso mentre stava facendo il bagno, esclamando giuliva: “Fa niente, sono vecchia”. Si accontentò di dire:”Sono pienamente d’accordo con lei, signorina Alan. Gli italiani sono un popolo sgradevolissimo. Cacciano il naso dappertutto, vedono tutto, e sanno quel che vogliamo prima che lo sappiamo noi stessi. Siamo a loro mercé. Leggono i nostri pensieri, predicono i nostri desideri. Dal fiaccheraio a…Giotto, ci rivoltano come un abito smesso, e questo mi irrita. E nondimeno, nel profondo del cuore, essi sono…ah, che esseri superficiali! Non hanno il concetto della vita intellettuale[…].

Read Full Post »


Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

Salvatore Quasimodo(1901-1968)

Aderendo al gusto novecentesco del breve frammento, Quasimodo esprime la peculiare condizione umana sulla Terra. Ogni uomo è inesorabilmente solo, e la sua vita è breve perché sfocia subito nella sera della morte.

Read Full Post »

Prima di tutto scrittrice


Sono prima di tutto una scrittrice, poi sono una donna.
(Katherine Mansfield)

Read Full Post »

Se il mio cuore

emily
Se il mio cuore avesse conosciuto la falsità
non una spina avrebbe turbato la mia strada
il mio spirito non avrebbe perduto il riposo
non avrei versato queste lacrime

di Emily Brontë

(Tratta da: Anne, Charlotte, Emily Brontë, Poesie, Milano, Oscar Mondadori, ed. del 2004)

Read Full Post »

proust
Oggi trascrivo un brano tratto dalla Recherche, capolavoro di Marcel Proust. Riportare soltanto un brevissimo stralcio di un’opera tanto complessa e geniale significa attuare una violenza su di essa. Tuttavia, anche un’operazione così discutibile può essere utile se diventa uno stimolo per la lettura della Recherche, splendido frutto della fatica di un eccellente scrittore.

Il brano è tratto dal racconto in terza persona intitolato Un amore di Swann, che fa parte della Recherche e narra la storia d’amore fra Charles Swann e Odette de Crècy.
Riporto la parte finale del racconto, amara nel suo spietato realismo.

Ma mentre, un’ora dopo essersi svegliato, dava indicazioni al parrucchiere perché la sua pettinatura a spazzola non si scompigliasse durante il viaggio, ripensò al sogno, rivide, vicinissimi come gli erano parsi, il colorito pallido di Odette, le gote emaciate, i lineamenti tirati, gli occhi pesti, tutti quegli elementi che – nel corso delle successive tenerezze che avevano fatto del suo durevole amore per Odette un lungo oblio dell’immagine avutane all’inizio – aveva smesso di notare dopo i primi tempi della loro relazione, là dove, mentre dormiva, la sua memoria era certo andata a ricercarne la sensazione esatta.
E con quella grossolanità intermittente che riaffiorava in lui non appena finiva d’essere infelice e che, contemporaneamente, abbassava il livello della sua moralità, esclamò fra sé: “E dire che ho sciupato anni della mia vita, ho desiderato di morire, ho avuto il mio più grande amore, per una donna che non mi piaceva, che non era il mio tipo!”.

(L’edizione del testo è curata da Giovanni Raboni per la Mondadori).

Read Full Post »

fiori6
Alcune frasi tratte dal romanzo Un incantevole aprile, di Elizabeth von Arnim, ed. Bollati Boringhieri.

Scrap affondò la testa nei cuscini, e con i piedi incrociati sul basso parapetto si abbandonò di nuovo ai suoi pensieri. Si disse, come si era ripetuta per tutta la mattina: adesso mi metto a pensare. Ma non avendo mai pensato a niente per tutta la vita, fu difficile.

Read Full Post »

Older Posts »